top of page

IL PRIMO FIGLIO

Mara Fondacaro

  Scritto da Mara Fondacaro

Una madre deve affrontare il figlio defunto tornato dall’aldilà per uccidere il fratellino che la donna porta in grembo.

 

Mara Fondacaro, classe 1994, nel 2016 firma la sceneggiatura del film La Parrucchiera di Stefano Incerti e segue il set come aiuto regista. Nel 2017 scrive e dirige il corto Mosca cieca. Nel 2021 si diploma in Sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia.

Il primo figlio è il suo film d’esordio come regista.

DAY 5_006.jpg
1638641_toma-panic01-dragana-udovicic_ls.jpg

UNA CREPA NEL GHIACCIO

Maja Miloš

Scritto da Maja Miloš

Marija è una giovane pattinatrice sul ghiaccio che vive alla periferia di Belgrado con il padre e la matrigna Suzana. Trovandosi in una situazione finanziaria difficile, Maria è costretta ad entrare in un mondo in cui le donne sono sfruttate sessualmente. Tuttavia, l'amore di un giovane uomo le dà la forza di accettare se stessa e la sua sessualità.

 

Maja Miloš è nata nel 1983 a Belgrado, Serbia. Si è laureata in regia cinematografica e televisiva nel 2008 presso la Facoltà di arti drammatiche di Belgrado. Durante gli studi ha diretto 11 cortometraggi documentari e di finzione. Il suo primo lungometraggio Clip (2012) è stato presentato nei festival di tutto il mondo.

Con il progetto Una crepa nel ghiaccio, coprodotto da Nightswim, è stata selezionata ad Atelier di Cannes e Torino Film Lab.

IL SILENZIO DEGLI DEI

Vuk Ršumović

  Scritto da Vuk Rsumović, Momir Turudić

Il dramma racconta la storia della giovane donna afgana Fereshteh,che arriva in Serbia come rifugiata con suo marito, Reza, e i loro tre bambini, solo per scoprire che suo fratello minore Ali, arrivato a Belgrado poche settimane prima, è annegato e sarà presto sepolto come persona “non identificata”. Fereshteh si rifiuta di lasciare Belgrado prima di seppellire suo fratello con il suo vero nome, e per ottenere il permesso di prendere in carico il corpo, avvia una procedura complessa e incerta per dimostrare l'identità di suo fratello attraverso un campione di DNA del padre profondamente tradizionalista, che è ancora in Afghanistan.

Vuk Ršumović è uno sceneggiatore e regista pluripremiato. Ha studiato scrittura per il cinema e il teatro presso la Facoltà di Arte Drammatica di Belgrado. Il suo primo lungometraggio, No One’s Child, ha vinto tre prestigiosi premi alla Mostra del Cinema di Venezia: il Premio FIPRESCI per il Miglior Film (Orizzonti e Settimana Internazionale della Critica), il Miglior Film alla Settimana della Critica e il Premio FEDEORA per la Miglior Sceneggiatura. Il film ha vinto oltre 35 premi in tutto il mondo. Il suo obiettivo come regista è quello di creare mondi narrativi avvincenti e complessi che possano coinvolgere una maggiore chiarezza e convinzione. Oltre al suo impegno nel cinema, lavora attivamente in teatro.

Fateme.png
Patrizia-Emma-Scialpi-6.jpg

AFTER DIVE

Patrizia Emma Scialpi

Scritto da Patrizia Emma Scialpi 

After Dive racconta una storia di passione, perseveranza, disciplina e condivisione. La preparazione atletica per la disciplina del tuffo necessita di un training costante, una ritualità attraverso cui migliorare tecnica, coordinazione e concentrazione. Lo spazio del film è la piscina Karl Dibiasi di Bolzano, struttura che dal 2008 ospita gli allenamenti di Tania Cagnotto e Francesca Dallapè. Le due tuffatrici che hanno stabilito il record di otto vittorie consecutive agli Europei
nei tre metri sincro e si sono consacrate con la medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro nel 2016 – dopo un iniziale addio al trampolino – tornano, a distanza di due anni, ad allenarsi nuovamente in coppia per le prossime olimpiadi; nel frattempo sono diventate entrambe madri rispettivamente di Maya e Ludovica.

Patrizia Emma Scialpi (Taranto, 1984) autrice e regista, è un’artista visiva e filmmaker. Laureata in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, si specializza in Documentario presso il Dipartimento di Cinema della Scuola Civica di Milano. Nel 2017 è tra i vincitori del Talent Video Award a cura di Carof, Mibact e Fid Festival con il video Neith. Nel 2018 esordisce con il suo primo documentario Ogni Cosa Rosa girato a Taranto e prodotto dalla Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti di Milano. Collabora con diverse realtà culturali e spazi indipendenti tra cui: Gigantic, Labuat, TOC Centre e con ENECEfilm per la realizzazione di cinema del reale.

DISCO INFERNO

Eleonora Danco

  Scritto da Eleonora Danco

Disco Inferno prosegue la trilogia iniziata con N-Capace (2014). Eleonora Danco racconta con linguaggio ironico e curioso il bislacco mondo degli adulti, sempre in bilico e sempre irrequieti. Attingendo dalla realtà, trasformando la vita reale in testo filmico, Eleonora Danco si avvale di un linguaggio grottesco e onirico per realizzare un ritratto femminile divertente e controcorrente.

 

Eleonora Danco è attrice, regista, drammaturga. Nel 2014 ha diretto il pluripremiato  N-Capace, disponibile su RaiPlay. Ha scritto per diversi teatri, fra cui lo Stabile di Parma e lo Stabile di Napoli. Ha realizzato per RadioRai3 il documentario Il vuoto e l'atto unico Non parlo di me. Per Mario Martone ha scritto Mignotta56, tratto da un soggetto di Sergio Citti. Ha inoltre collaborato come editorialista con il quotidiano Il Messaggero. Come attrice ha lavorato tra gli altri, con Nanni Moretti, Ettore Scola.

 

DANCO.JPG
1588179868-salatic-i_1280x800.jpg

LA RINUNCIA DEL PRINCIPE

Ivan Salatić

Scritto da Ivan Salatić

Jovo è giovane e vuole dimostrare di essere un eroe, anche se questo non si addice al suo carattere sensibile. Un giorno si imbatte in un turco ferito. Jovo decide di ucciderlo, prende la sua testa come trofeo e la presenta al signore della collina, Morlak. Morlak è impegnato a leggere poesie quando Jovo bussa alla sua porta. Il dono di Jovo viene definito ripugnante e fu cacciato dalle sue stanze. Lacoscienza di Jovo appare all'alba mentre corre a casa. Respinto dal suo padrone si rende conto dell'atto orribile che ha commesso.

 

Ivan Salatić è diplomato presso la Scuola di Belle Arti di Belgrado, ma col tempo si è interessato maggiormente al cinema. In seguito si è iscritto a una scuola di cinema in Montenegro. I suoi film sono stati presentati e premiati in molti festival internazionali. Il cortometraggio Backyards è stato presentato alla Mostra del Cinema di Venezia - Sezione Orizzonti nel 2015, seguito dal lungometraggio You Have The Night, anch'esso presentato alla Mostra, nel 2018. Ha conseguito un master presso la HFBK di Amburgo nel 2016. Gestisce la Meander Film, una società di produzione con sede in Montenegro.

FIUME NERO

Goran Stanković

  Scritto da Goran Stanković

Quando DEJAN (32), un tossicodipendente, arriva nella comunità di recupero in un monastero nell’estremo sud della Serbia, lo accoglie il carismatico ed autoritario Padre BRANKO (54). In lui Dejan trova sostegno e diventa il suo braccio destro, finché il parroco non esagera con i suoi metodi di cura.

 

Goran Stanković è cresciuto in Serbia e ha frequentato il master di regia dell’American Film Institute di Los Angeles. I suoi film Who Guards the GuardiansOld Mountain, sono stati selezionati per più di 50 festival internazionali e hanno vinto 17 premi. Il suo primo documentario, In The Dark, una storia sui minatori serbi, ha avuto la sua anteprima mondiale nel 2014 al prestigioso festival IDFA ad Amsterdam e ha vinto premi negli Stati Uniti e in Europa.

goran-stankovic-smanjeno.jpg
BRUNELLA FILI.jpeg

SEA SISTERS

Brunella Filì

Scritto da Brunella Filì, Antonella Gaeta

Dopo un conflitto con la sua famiglia, Sandra, una donna Sami del Nord della Norvegia, ha realizzato il sogno di diventare capitano del suo peschereccio, diventando una delle poche donne pescatrici del mare Artico. "Non è solo un lavoro per me, è un modo di vivere. E nel miglior ufficio del mondo, il Mare". Ma il costo che ha pagato è stato il più alto: i servizi sociali norvegesi le hanno tolto l'affidamento di sua figlia Leah, 5 anni, perché a una madre non è permesso stare per molti giorni lontano da casa. Una dimostrazione che ai pescatori maschi non è richiesta: per Sandra è diventata una battaglia anche politica. Antonia, 26 anni, vive a Gallipoli, un piccolo villaggio di pescatori nel profondo Sud Italia, in Puglia, Italia meridionale, affollata dai turisti in estate e battuta da venti e tempeste in inverno. Ha perso suo padre, un pescatore, in un naufragio: non l'ha mai conosciuto e il suo corpo non è mai stato ritrovato, ma lui è sempre presente nei suoi pensieri. Antonia desidera diventare pescatrice a sua volta, ma tutta la famiglia le si oppone e solo a suo fratello, Franco, è permesso salire sul peschereccio di famiglia. Il film, con pochi dialoghi e molte immagini, seguirà le loro storie, rivelando quanto ancora è sessista la cultura europea oggi, che impedisce loro di realizzare i propri sogni. Un viaggio cinematografico fra due mari opposti, agli antipodi, verso l'evoluzione di due identità femminili in cerca di emancipazione Quanto lontano ci possono portare le nostre passioni?

Brunella Filì è una regista, autrice, documentarista. Col suo primo lungometraggio, Emergency Exit – young Italians abroad, vince i premi per miglior regia e miglior film in numerosi festival internazionali. Il suo ultimo film lungometraggio è Alla Salute, uscito nel 2018, con cui ha vinto i premi di Pubblico e Giuria al Biografilm International Film Festival. Attualmente è in preparazione con i prossimi progetti di documentario, tra cui A place to call Europe, vincitore di SmartItUp di Cariplo. 


Antonella Gaeta è una giornalista e sceneggiatrice della provincia di Bari. Legata da un lungo sodalizio artistico con il regista Pippo Mezzapesa con il quale ha scritto la sceneggiatura di Zinanà (2004), Pinuccio Lovero - Sogno di una morte di mezza estate (2008), L'altra metà (2009) e Il paese delle spose infelici (2011). Tra i suoi ultimi lavori, il documentario Bellissime (2019) di Elisa Amoroso e Ti mangio il cuore (2022) di Pippo Mezzapesa, presentato alla 79a edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

Likemeback.png

INVIACI IL TUO PROGETTO

Nightswim accetta progetti di lungo e serie tv. Valutiamo esclusivamente proposte, concept, soggetti di 3 pagine max (6000 battute), corredate da una scheda che indichi lo stato dello sviluppo. Invia i tuoi progetti a 

sviluppo@nightswim.it

bottom of page